Cerca nel blog

youtube

Istat agricoltura, calo della produzione in tutte le aree del Paese

Istat agricoltura, calo della produzione in tutte le aree del Paese https://ift.tt/3hPPQld

Le stime provvisorie sul complesso del settore agricolo in ambito territoriale hanno evidenziato per il 2020 un calo del volume della produzione in tutte le aree del Paese. A livello di ripartizioni, il Centro ha subìto il calo più consistente (-5,4%), seguito da Sud(-4,3%), Isole (-3,6%), Nord-est (-2,7%) e Nord-ovest (-1%). In termini di valore aggiunto tali performance risultano ancora più amplificate.

Tra le regioni, hanno sperimentato i risultati peggiori la provincia autonoma di Bolzano (-15,8% in volume e -21,9% per valore aggiunto), la Valle d’Aosta (-12,8% e -21,9%), la Toscana (-10,1% e 
-14,8%), il Friuli-Venezia Giulia (-9,8% e -20,9%), la provincia autonoma di Trento (-9,4% e -12,9%), la Liguria (-7,8% e -12,5%) ele Marche (-6,5% e -14,2%). Solo tre regioni hanno registrato risultati positivi per la produzione in volume: Veneto (+0,9%), Lombardia (+0,5%) e Lazio (+0,2%). In termini di valore aggiunto il Veneto è l’unica regione a segnare una crescita (+1,5%). 

Analizzando i diversi comparti in termini di volume di produzione,all’andamento complessivamente positivo dei cereali ha contribuito maggiormente il Veneto (+20,9%), a quello degli ortaggi l’Emilia-Romagna (+9,4%), per la frutta la crescita maggiore si è avuta inToscana (+44,7%) e per i prodotti zootecnici alimentari la crescita più forte è stata in Puglia (+1,7%). 

La performance negativa dei legumi è stata trascinata dal Friuli Venezia-Giulia (48,9% il volume della produzione) mentre su quella delle coltivazioni industriali ha pesato maggiormente il calo del Lazio 
(-40,1%). Per le coltivazioni floricole la perdita più rilevante si è registrata in Campania (-11,1%), per i vivai in Emilia-Romagna(-10%) mentre per il settore delle carni animali la flessione più rilevante si è verificata nelle Marche (-2,4%).

Riguardo ad alcuni dei prodotti agricoli più rappresentativi, tra quelli con andamenti favorevoli nel 2020 la produzione di frumento duro è cresciuta soprattutto in Toscana (+16,7%); le patate hanno mostrato la migliore performance in Veneto (+30,8%), i pomodori in Piemonte (+44,3%), mele e pere hanno avuto il risultato migliore in Toscana (+84% e +83,7% rispettivamente) e il latte in Puglia(+4,4%). Tra i prodotti che hanno subìto invece ridimensionamenti produttivi, il maggior calo per il vino si è verificato in Sicilia (-14%), per l’olio d’oliva in Puglia (-31,7%), per le carni bovine in Lombardia(-2,7%), per le suine in Emilia-Romagna (-6,3%) e per il pollamenelle Marche (-1,1%).

Quanto alla produzione non strettamente agricola, a risentire dell’annata particolarmente negativa delle attività secondarie sono state la Valle d’Aosta (-46,6%), la Toscana (-44,1%) e le Province autonome di Bolzano e Trento (-42,5%) mentre per le attività dei servizi di supporto i risultati più negativi si sono avuti nelle Province autonome di Bolzano e Trento (-7%) e in Campania (-6,2%).

I prezzi dell’output della branca agricola, misurati dal deflatore della produzione, sono cresciuti quasi ovunque, soprattutto in Basilicata(+5,4%), Valle d’Aosta (+4,6%), Campania (+4,1%) e Liguria(+2,8%) mentre le uniche diminuzioni hanno interessato Lombardia(-1,1%), Emilia-Romagna (-0,8%), Calabria (-0,4%) e Veneto(-0,2%).

L'articolo Istat agricoltura, calo della produzione in tutte le aree del Paese proviene da Agricolae.

Istat agricoltura, calo della produzione in tutte le aree del Paese
fiera uccelli

Commenti

Non ci sono commenti
Posta un commento
    google-playkhamsatmostaqltradent